JAMIE VARDY: STORIA DELL'OPERAIO DIVENTATO CAPOCANNONIERE DI PREMIER LEAGUE


Pubblicato da il 9.11.15

jamie vardy leicester storia operaio fabbrica premier league
La favola di Jamie Vardy, bomber del Leicester di Ranieri, che è passato dal lavorare in una fabbrica che produce fibra di carbonio ad essere il capocannoniere della Premier League.

Cominciamo dalla fine: 11 gol nelle ultime 11 partite di Premier League e record di partite consecutive in rete di Van Nistelrooy battuto. Stiamo parlando di Jamie Vardy, bomber del Leicester dei "miracoli" guidato da Ranieri, che con i suoi 14 gol in 14 match sta portando la propria squadra in vetta al campionato inglese e se stesso al vertice della classifica capocannoniere della Premier League. Il ragazzo esploso definitivamente a 28 anni è il protagonista di una storia incredibile iniziata quando aveva 6 anni e giocava nelle giovanili dello Sheffield Wednesday, club tra i più antichi del calcio inglese.

Nel 2003 Jamie Vardy ha 16 anni e passa allo Stocksbridge, squadra di una cittadina di 13 mila abitanti nel South Yorkshire. Lo stipendio non è un granchè (30 sterline a settimana) e così per mantenersi trova lavoro come operaio in una fabbrica che produce fibre di carbonio. I turni sono massacranti ma nonostante ciò Jamie tutti i giorni si va ad allenare. Questa è la sua vita fino al 2010, anno in cui viene fatto visionare e acquistare da Neil Aspin, manager dall'Halifax Town appena risorto dalle ceneri della bancarotta.

Jamie Vardy si mette in mostra segnando la bellezza di 29 gol in 41 partite così la stagione successiva sale un altro scalino verso il "paradiso": questa volta è il Fleetwood Town, club che milita in Conference ( equivalente della nostra Serie D) ad acquistarlo. Andy Pilley, presidente della squadra, racconta questo aneddoto: "Carl Garne, un nostro osservatore, mi chiamò dicendo: 'Segnati queste parole: un giorno giocherà nell'Inghilterra'". E Vardy non tradisce le attese: termina la stagione con 31 reti in 36 partite.

La fortuna aiuta gli audaci, e lui lo è. Per una strana combinazione del destino un osservatore del Leicester lo nota e se ne innamora calcisticamente. All'epoca i Foxes giocano in Championship (Serie B) ma non hanno problemi a staccare un assegno da 1 milione e 200mila sterline pur di averlo in squadra. Jamie Vardy nelle stagioni seguenti, grazie alla sua determinazione, si ritaglia uno spazio da protagonista nell'attacco del Leicester che oggi guida da leader in tutte le battaglie della Premier League di cui oggi ne è capocannoniere.

La scalata dall'inferno della fabbrica fino al "paradiso" calcistico è terminata con le convocazioni del CT Roy Hodgson in pianta stabile nella nazionale inglese così come aveva predetto l'osservatore del Fleetwood Town. Ora toccherà solo a Jamie Vardy non scendere più quei gradini...

Commenti su "JAMIE VARDY: STORIA DELL'OPERAIO DIVENTATO CAPOCANNONIERE DI PREMIER LEAGUE"