GIGI RIVA DICE ADDIO ALLA NAZIONALE


Pubblicato da il 21.5.13

gigi riva addio nazionale malato
Gigi Riva lascia la Nazionale dopo 50 anni di Azzurro prima da calciatore e poi da Team Manager a causa del suo stato di salute.

Gigi Riva, uno dei personaggi più importanti della nostra storia calcistica, esce improvvisamente di scena. Infatti "Rombo di Tuono" ha deciso di dire addio definitivamente al suo ruolo di Team Manager della Nazionale di Cesare Prandelli a causa di alcuni problemi di salute che non gli consentono più di svolgere il suo lavoro al meglio. A comunicare la notizia è stato lo stesso Gigi Riva all'agenzia Ansa. Ecco le sue parole:

"Lascio l’azzurro dopo 50 anni: me ne vado in punta di piedi. Ho appena comunicato la mia decisione al presidente della Federcalcio Giancarlo Abete e al direttore generale Antonello Valentini. Mi ha fatto un piacere enorme vedere che loro sarebbero disposti ad aspettarmi ancora. Abete voleva che arrivassi fino al Mondiale del prossimo anno. Ma i dolori all’anca e alla spalla, aggiunti al disagio per le trasferte, non me lo consentono".

Gigi Riva ha legato indissolubilmente il suo nome al Cagliari dove giocò per tutta la carriera. Celebre è anche il suo rifiuto alla Juventus che lo avrebbe coperto d'oro pur di portarlo a Torino. Attacante formidabile, smise di giocare a 32 anni per un brutto infortunio e le continue botte dei difensori avversari. In Nazionale, con 35 reti segnate in 42 partite, Gigi Riva detiene il record di marcature in Azzurro (memorabili i due gol nella leggendaria semifinale Italia-Germania del 1970). Dal 1990 inizia la sua carriera da dirigente con la FIGC, assumendo spesso il ruolo di guida per molti giocatori azzurri: da Roberto Baggio a Vieri, Maldini, Del Piero, Totti, Cassano fino a Balotelli. Tutti ricevevano consigli o una parola di conforto nei momenti di difficoltà da Gigi Riva. Di sicuro la figura di "Rombo di Tuono" mancherà a tante persone.

Commenti su "GIGI RIVA DICE ADDIO ALLA NAZIONALE "