MI CHIAMO TOM HUGHES, HO 96 ANNI E IERI SERA HO VINTO PER LA PRIMA VOLTA IN VITA MIA


Pubblicato da il 26.3.13

tom hughes 96 anni wrexham
La bella storia di Tom Hughes, una vita per il Wrexham, raccontata da se stesso il giorno dopo la finale di FA Cup Trophy a Wembley tra la sua squadra e il Grimsby. Le storie belle del calcio sono queste.
 
Quanti di voi aspettano una cosa da 91 anni?
Lasciate stare di che cosa si tratti (può essere una donna, un figlio, una casa, una canzone, un gelato) io parlo dell’attesa.
Aspettare la sera giusta per tutta la vita. Capite?
C’era scritto “cups and pies” sul portavivande col quale mio padre lavorava al vecchio, glorioso Racecourse, lo stadio del Wrexham: la mia squadra, la mia città qua in Galles.
Avevo cinque anni quando, nel 1921 ho messo piede per la prima volta in quello stadio.
Sono ancora qua.
Certo, in questi 91 anni sono stato un uomo più o meno come tutti gli altri, ho avuto una famiglia, una vita.
“Tutto è nato e morirà qua e non mi dispiace affatto…” pensavo al Rececourse quando ho iniziato vendendo sigarette, poco più che bambino, e nei lunghi 40 anni in cui ho lavorato (sempre allo stadio) come paramedico.
Io sono il Wrexham, questo è tutto. Dalle sigarette alle barelle, dai caffè alle torte di mele, io e la mia famiglia di generazione in generazione, siamo stati su quest’erba gallese.
Poi ieri è successa una cosa, un viaggio che non avevo fatto mai.
La mia squadra giocava a Wembley una finale (FA Cup Trophy).
Una di quelle serate che chi non sa cosa sia lo sport, chiamerebbe una finale di “serie B”.
Non c’ero mai stato a Wembley, ho atteso 91 anni che questo accadesse.
Poi ieri, verso sera, mi è sembrato di sentire mio padre, sul seggiolino di fianco al mio…
Il mio nome è Tom Hughes, ho 96 anni e ieri sera ho vinto per la prima volta in vita mia. Il resto ve lo racconterò la prossima volta.

Commenti su "MI CHIAMO TOM HUGHES, HO 96 ANNI E IERI SERA HO VINTO PER LA PRIMA VOLTA IN VITA MIA"