UFFICIALE: PIPPO INZAGHI SI RITIRA. ALLENERÁ GLI ALLIEVI NAZIONALI DEL MILAN


Pubblicato da il 25.7.12

filippo inzaghi allenatore milan allievi nazionali
Filippo Inzaghi lascia il calcio giocato ma non il Milan: sarà il nuovo allenatore degli Allievi Nazionali dei rossoneri. "Sono felice, si apre una nuova avventura. Ancelotti è il mio modello" le dichiarazioni di SuperPippo.

Filippo Inzaghi appende gli scarpini al chiodo per indossare la tuta di allenatore: una possibilità che gli veniva proposta da tempo, eppure le tantissime offerte per quello che è stato uno dei più grandi attaccanti europei della storia non sono mai mancate. Ieri c'è stato un incontro, quello decisivo, tra il Milan e SuperPippo per capire se c’erano le possibilità di cominciare a lavorare con gli Allievi Nazionali dei rossoneri. E la fumata bianca è arrivata nel pomeriggio con un comunicato ufficiale sul sito del Milan:

“A.C. Milan comunica che Filippo Inzaghi è il nuovo allenatore della squadra Allievi Nazionali. Ha firmato un contratto fino al 30/6/2014. Al grande Pippo il più affettuoso augurio di buon lavoro”.
Filippo Inzaghi all’uscita della sede milanista di Via Turati, dopo la firma sul contratto da allenatore, ha rilasciato una lunga dichiarazione circa le sue sensazioni dopo aver deciso di abbandonare il calcio giocato per la panchina degli Allievi del Milan:

“Sono felice, ho amato tantissimo quello che ho fatto ma oggi dico basta alla carriera da giocatore. Si apre una nuova avventura, era difficile andarmene dal Milan. Ci tengo a ringraziare le società che mi hanno offerto di giocare ancora, proprio oggi è arrivata un’offerta dall’Inghilterra e mi ha fatto pensare molto però alla fine ho pensato che il legame che c’era col Milan dovesse proseguire per tanti motivi. Ora si apre un nuovo capitolo della mia vita. Ho sognato di vincere la Champions con la maglia del Milan, chissà se ora posso vincerla anche da allenatore, come ha fatto Ancelotti. Questo ora è il mio sogno. Quando ho iniziato a giocare speravo di vincere la Champions da giocatore, e ci sono riuscito, ora spero di farlo da mister. Il mio futuro è legato a questa maglia e a questi colori che mi hanno dato tantissimo, ed era difficile vedermi con un’altra casacca, sarà una nuova esperienza”.

Non è stata sicuramente una scelta facile quella di Filippo Inzaghi:

“È stata dura decidere, anche le cose belle hanno una fine. Se avessi fatto una sceneggiatura l’avrei scritta proprio così, segnare l’ultimo gol della mia carriera proprio nello stadio con la mia gente, allora ho pensato che nella vita ho vinto tutto e non valeva la pena andare ancora in giro a 39 anni. Ho avuto questa grande occasione da parte del Milan, oggi mi ha fatto 2 anni di contratto e significano tanto perché mi legano due anni da allenatore in una società che mi vede sulla panchina della prima squadra. Una decisione presa con la testa perché il cuore non mi avrebbe fatto smettere nemmeno a 60 anni. Insegnare la passione ai giovani è una cosa bella, ho grande entusiasmo, partirò per Pinzolo con dei giovani che vogliono diventare grandi giocatori. Ho le caratteristiche giuste per poter insegnare. Da oggi si parte da zero, non voglio correre troppo. Bisogna dimenticare tutto quello che ho fatto da calciatore adesso si apre un nuovo capitolo della mia vita. Mi auguro di rivivere le stesse emozioni da giocatore”.

A chi gli chiede quale sia il suo modello come allenatore, Filippo Inzaghi risponde senza pensarci due volte:

Ancelotti è il mio modello però dovrò cercare di essere me stesso. Insegno ai giocatori di impegnarsi e dare tutto per la maglia, come ho fatto da atleta. Il modulo? Bisogna vedere le caratteristiche dei giocatori che ho, e alla loro età devono saper trattare la palla e divertirsi. Una sfida contro mio fratello? Sarebbe il massimo trovarsi nelle fasi finali uno contro l’altro. Simone da due anni sta facendo bene e mi darà dei consigli, sono alle prime armi e devo imparare molto. Il mercato del Milan attuale? Quando ci sono Berlusconi e Galliani siamo tutti in buone mani. Ai tifosi del Milan dico che è stato bellissimo, spero di trovarmi tra qualche anno sulla panchina di San Siro per nuovi successi insieme”.

Commenti su "UFFICIALE: PIPPO INZAGHI SI RITIRA. ALLENERÁ GLI ALLIEVI NAZIONALI DEL MILAN"