LA STORIA DEI MITI: BRIAN CLOUGH - L'INIZIO COME MANAGER E IL DERBY COUNTY - SECONDA PARTE


Pubblicato da il 17.7.12

brian clough derby county
La seconda parte della storia di Brian Clough: l'inizio come manager dell'Hartlepool United fino alla semifinale di Coppa dei Campioni tra il suo Derby County e la Juventus.

Dopo il brutto infortunio al legamento crociato del ginocchio che lo costringe al ritiro a soli 28 anni, nel 1965 Brian Clough diventa il più giovane manager inglese prendendo a soli 30 anni di età la guida dell’Hartlepool United, club che milita nella quarta divisione inglese (la nostra Serie C2). La stagione 64-65 termina con il 15esimo posto in Fourth Division con una tranquilla posizione di metà classifica. Proprio qui nasce il rapporto tra Brian Clough e Peter Taylor, l'uomo che gli farà da braccio destro per tutta (o quasi) la carriera da manager.

Nel 1967, dopo due anni alla guida dell'Hartlepool United, la carriera di Brian Clough subisce la prima svolta: il Derby County, sua squadra del cuore che milita in Second Division (la nostra serie B), gli offre la panchina. Mai scelta fu più fortunata per un presidente di calcio: Clough e Taylor danno subito i primi segnali della loro enorme bravura nella compravendita di calciatori e nella gestione della squadra portando nel 1969 il Derby County alla vittoria della Second Division.
Promossi in First Division (ancora non c'era la Premier League), i calciatori del Derby County non si fanno intimorire dallo strapotere del Leeds United che in quegli anni detta legge e con loro intrapresero una rivalità leggendaria. L’allenatore del Leeds è Don Revie, manager di grande successo e odiato da Clough, che accusa i suoi giocatori di essere macellai travestiti da calciatori (BRIAN CLOUGH E L'OSSESSIONE PER DON REVIE E IL LEEDS UNITED).

Dopo due anni di adattamento in Prima Divisione, nella stagione 1971-72 il miracolo si compie: il Derby County vince il primo titolo della sua storia proprio a seguito di un magnifico testa a testa con il Leeds United di Don Revie che questa volta è costretto a capitolare. La stagione successiva il Derby County disputa così la Coppa dei Campioni arrivando fino alla semifinale, che viene poi persa contro la Juventus. Fu in questa occasione che il nostro eroe pronuncia una delle sue frasi più famose, riferendosi ai calciatori avversari: “Juventini bastardi imbroglioni”. Infatti Peter Taylor gli ha riferito di aver visto più volte uomini della Juventus entrare nello spogliatoio dell'arbitro, il che lo ha insospettito visto anche l'andamento del match.

Dopo il passaggio di Don Revie alla guida della nazionale, posto ambito anche da Brian Clough, non è certo possibile aspettarsi un suo passaggio agli storici e odiati rivali del Leeds United, ma il suo personaggio è affascinante anche per la sua feroce imprevedibilità.

Prima parte - La carriera da calciatore
Terza parte - Il maledetto Leeds United
Quarta parte - Il Nottingham Forest

Commenti su "LA STORIA DEI MITI: BRIAN CLOUGH - L'INIZIO COME MANAGER E IL DERBY COUNTY - SECONDA PARTE"