LA STORIA DEI MITI: BRIAN CLOUGH - IL NOTTINGHAM FOREST - QUARTA PARTE


Pubblicato da il 19.7.12

brian clough coppa campioni nottingham forest
La quarta ed ultima parte della leggendaria carriera di Brian Clough, quella che parla della parte più gloriosa della sua storia come manager: quando ha portato il Nottingham Forest dalla Second Division a vincere per ben 2 volte consecutive la Coppa dei Campioni.

Nel gennaio del 1975 dopo esser stato esonerato dal Leeds United, Brian Clough accetta il passaggio ad un'altra storica rivale del Derby County: il Nottingham Forest, dove si riunisce con Peter Taylor. La loro nuova squadra viaggia costantemente nella metà classifica della Second Division da diversi anni, ma Brian Clough è intenzionato a ripetere l’impresa del Derby County. Fa meglio: acquista il portierone inglese Peter Shilton dallo Stoke City per una cifra allora fuori mercato e, basando tutto sulla solidità difensiva, ottiene il terzo posto nel 1977 con conseguente promozione. L’anno successivo, nel 1978, il Nottingham Forest diventa la seconda squadra della storia, dopo l’Ipswich Town del 1962, a vincere da neopromossa la First Division entrando prepotentemente nella leggenda. Non è una vittoria fortunosa o casuale: i rossi di Nottingham (in omaggio a Garibaldi) vincono il campionato con quattro giornate di anticipo davanti ai campioni del Liverpool.

La stagione successiva, Brian Clough compie qualcosa che è più di un miracolo: il Nottingham Forest trionfa nella Coppa dei Campioni battendo nell’ordine Liverpool (campioni in carica), AEK Atene, Grasshoppers, Colonia e il Malmoe 1-0 in finale. Mentre in Europa il Forest scrive la storia, in First Division termina secondo, con otto punti di distacco dal Liverpool. La stagione seguente Brian Clough decide di puntare tutte le energie sulla competizione continentale, così in campionato termina quinto. Tuttavia la Coppa dei Campioni da ancora tante grandi soddisfazioni: dopo aver sconfitto Arges Pitesti, Dinamo Berlino ed Ajax (una squadra leggendaria e fortissima, che ha vinto 16 a 2 i sedicesimi e 10 a 4 gli ottavi), nella finale di Madrid Clough decide di erigere barricate contro la corazzata Amburgo, di Kevin Keegan, allora capitano e giocatore più rappresentativo della nazionale inglese. Il punteggio di 1 a 0 in favore degli inglesi fa si che il nome del Nottingham Forest venga scritto per la seconda volta consecutiva nell’albo d’oro della competizione più importante d’Europa (1978-79 e 1979-80) e che il nome del suo leggendario allenatore Brian Clough resta inciso a fuoco nella storia del calcio.

Il Nottingham Forest, passato in tre anni dal sedicesimo posto in Second Division al tetto d’Europa, è l’unica squadra del vecchio continente ad aver vinto più Coppe dei Campioni che campionati nazionali. Brian Clough rimane in panchina fino alla retrocessione inaspettata nel 1993. In suo onore sono state erette due statue, una davanti allo stadio del Derby County e una a Nottingham.

Prima parte - La carriera da calciatore
Seconda parte - L'inizio come manager e il Derby County
Terza parte - Il maledetto Leeds United

Commenti su "LA STORIA DEI MITI: BRIAN CLOUGH - IL NOTTINGHAM FOREST - QUARTA PARTE"