CAOS A FOGGIA: IL PORTIERE PICCHIATO DAI TIFOSI


Pubblicato da il 1.3.12

La squadra pugliese non si trova in buone acque così il malcontento dei tifosi è cresciuto fino a sfociare nella violenza: dopo l'ennesima sconfitta, il portiere Paolo Ginestra è stato accerchiato e picchiato da sedicenti sostenitori rossoneri rimediando un trauma cranico.

A Foggia non si vive un buon momento: la squadra che milita nel girone A della Prima Divisione di Lega Pro, è nella metà bassa della classifica e nell’ultima giornata è incappata in un inaspettata sconfitta casalinga contro il Tritium. Così il pubblico, che ultimamente contesta i propri calciatori in campo durante le partite, sono arrivati a far sfociare la propria rabbia sul 33enne portiere dei rossoneri, Paolo Ginestra: al termine dell’allenamento di martedì, un gruppo di sedicenti tifosi foggiani ha accerchiato l’estremo difensore con la scusa di avere un colloquio di chiarimento circa l'andamento della squadra, salvo poi colpirlo con dei pugni in pieno volto. Ginestra è dovuto scappare verso il vicino cimitero inseguito da alcuni balordi.

Trasportato in ospedale gli è stato riscontrato un trauma cranico e un edema all’occhio destro con 10 giorni di prognosi:
“Ho temuto il linciaggio, sono sconvolto, non so se tornerò. Sono schifato, contestazioni c’erano già state ma non credevo che si arrivasse a questo punto, anche se so che Foggia è una città piena di problemi. Mi vergogno del clima che c’è intorno alla squadra, siamo stati insultati per tutto il tempo, cosa c’entriamo noi se ce l’hanno con Casillo?” ha detto a caldo il portiere che oggi è tornato nella sua città, Pesaro, annunciando che non sa se tornerà in Puglia per continuare la stagione.

Il capitano del Foggia Riccardo Perpetuini ha voluto esprimere la sua solidarietà verso il compagno:
“In questo momento la squadra si sente molto vicina a Paolo. Tutti noi speriamo che receda dalla volontà di andare via e che continui a darci ancora una mano“.
L’allenatore Stringara, che ha voluto indire una conferenza stampa sull'accaduto, ha condannato duramente l’episodio:
“Sono cose che niente hanno a che vedere con il calcio. Certo, venivamo da tre partite brutte, dove avevamo giocato male, ma proprio prima della seduta avevo detto alla squadra che dovevamo rialzarci. Adesso dobbiamo tutti impegnarci per abbassare la tensione“.

Commenti su "CAOS A FOGGIA: IL PORTIERE PICCHIATO DAI TIFOSI"