LA FAVOLA DI EMILIANO MONDONICO AL NOVARA


Pubblicato da il 31.1.12

Il tecnico lombardo, che proprio un anno fa dichiarava di aver sconfitto un grave cancro, torna a sedere su una panchina di Serie A: sostituirà l'esonerato Tesser sulla panchina del Novara.

Quella di mister Emiliano Mondonico è una favola stupenda che merita di essere raccontata. Il tecnico di Cremona torna su una panchina di Serie A dopo avere vinto la sua battaglia più importante, quella contro un tumore che l'aveva costretto a lasciare il calcio la scorsa estate.

Questa è la prima dichiarazione di Mondonico da allenatore del Novara:

"Il primo pensiero è che si è chiuso il cerchio. Alla fine di gennaio scorso l'operazione, a distanza di un anno il caso vuole che torni a fare la vita che ho sempre fatto. Dispiace per Tesser, durante i miei momenti difficili si è sempre interessato e mi è stato vicino: il calcio e la vita sono fatti anche di queste cose. Mi auguro che il Novara possa far bene, i meriti sarebbero soprattutto i suoi".

Mondonico ha tanta voglia di tornare a provare le grandi emozioni che solo il grande calcio può dare:

"Ci sono tante persone che ci girano intorno, come sempre c'è il buono e il cattivo. Ma questo lo pensavo anche quando stavo dentro, troppa gente che ha interessi collegati. Tutti teniamo famiglia ma c'è chi fa bene il suo lavoro e altri con cui bisogna convivere, ma a cui non ci si può sottomettere. Io sono innamorato del mondo del calcio, poi è ovvio c'è il buono e il cattivo come in tutto. Ognuno risponderà a chi di dovere, personalmente il calcio non mi sembra così stravolto, credo che abbia ancora tante emozioni da regalare".

Commenti su "LA FAVOLA DI EMILIANO MONDONICO AL NOVARA"