LE DICHIARAZIONI DI MOURINHO E GUARDIOLA DOPO EL CLASICO


Pubblicato da il 12.12.11

Le parole dei due allenatori nel dopo partita di Real Madrid - Barcellona, match terminato 1 a 3. Per il tecnico portoghese il Barcellona è stato fortunato, mentre Guardiola è soddisfatto della prova della sua squadra.

Per il Real Madrid, in rete dopo 20 secondi con Benzema che sfrutta un clamoroso errore di Valdes, questo Clasico sembrava essere quello della svolta e dell'allungo in classifica. Le merengues hanno giocato un buon calcio per la prima mezz’ora, fallendo anche un paio di occasioni da gol per il raddoppio. Poi è uscito fuori lo straordinario gioco corale del Barcellona e i soliti guizzi dei suoi grandi campioni.

Nel secondo tempo i blaugrana hanno chiuso la partita sfruttando al massimo quelle poche incertezze della difesa del Real Madrid e grazie anche ad un pizzico di fortuna, mentre Cristiano Ronaldo, in confusione per tutto il match, si mangiava un gol che in un’altra partita avrebbe sicuramente segnato.

Josè Mourinho a fine partita parla di un Barcellona fortunato:

“Non voglio essere ingiusto però credo che Messi meritasse l’espulsione a fine primo tempo, però se l’arbitro ha deciso di non estrarre il cartellino rosso è giusto così. Era più vicino lui di me all’azione, io ero a cinquanta metri. Questa è stata una partita di calcio e nel calcio a volte capita che ci sia un pizzico di fortuna. Il Barcellona ha avuto un po’ di fortuna quando ha segnato il gol del 2-1 con una deviazione di Marcelo su Xavi. Sull’1-0 noi abbiamo avuto l’occasione per fare il 2-0 con Cristiano Ronaldo, un giocatore che siamo fortunati ad avere con noi, ma l’abbiamo fallita. Loro hanno pareggiato e poi sono passati in vantaggio con un gol fortunato. Non era talento, era fortuna quella. Poi avremmo potuto fare il 2-2, ma non ci siamo riusciti e loro hanno segnato il 3-1. E anche dopo con Kakà siamo andati vicini al gol, ma c’è stata una parata fortunata di Victor Valdes. Comunque non cambia molto. Se non perdiamo a Siviglia siamo ancora primi da soli”.

Dall’altra parte, Guardiola analizza l’andamento tattico della partita:

“Per vincere qui al Bernabeu bisogna fare una partita molto buona e questo è quello che noi abbiamo fatto. Non è stata una partita perfetta perché avremmo potuto fare meglio dal punto di vista della circolazione del pallone, specie nel primo tempo. Noi non abbiamo giocato così offensivi perché eravamo dietro in classifica, ma soltanto perché al Bernabeu devi venire ed essere offensivo. Se no finisci per subire la loro pressione ed è finita. Se fossimo arrivati qui con 6 punti di vantaggio avremmo giocato nello stesso modo. Quando abbiamo subito il gol ho voluto dare stabilità alla difesa e ho scelto la difesa a quattro, quando le cose si sono stabilizzate ho deciso di passare a tre. Sono più che felice per la partita che abbiamo fatto. Certo, loro hanno avuto delle occasioni. Ma era impossibile pensare che non ne avessero. Adesso cosa succederà? Il Real Madrid non mollerà e lotterà per il titolo sino alla fine. Sono molto professionali e hanno ottimi giocatori. La squadra perfetta, poi, non esiste”.

Commenti su "LE DICHIARAZIONI DI MOURINHO E GUARDIOLA DOPO EL CLASICO"