ROTTURA DEL CROCIATO PER GIUSEPPE ROSSI: A RISCHIO GLI EUROPEI


Pubblicato da il 28.10.11

L'attaccante italo-americano si è infortunato gravemente durante la partita tra Real Madrid e Villareal. Ora rischia uno stop di 6 mesi: a rischio la sua partecipazione agli Europei.

Brutte notizie per "Pepito" Rossi. L’attaccante del Villareal e della Nazionale Italiana ha riportato, durante Real Madrid-Villareal, la rottura del legamento crociato del ginocchio destro. Lunga, forse lunghissima la convalescenza e la riabilitazione per Giuseppe Rossi: si va dai quattro ai sei mesi, rischiando così di non partecipare ai prossimi Europei del 2012. Federico Pastorello, il suo agente, è stato intervistato a Radio Sportiva per commentare la situazione del giovane attaccante:

“Giuseppe sta svolgendo gli esami del caso, credo di poter confermare la rottura parziale o totale del crociato anteriore, questo sarà valutato il prima possibile. I tempi di recupero sono da calcolare, ai tifosi posso dire che è sereno e carico per recuperare in fretta. L’ obiettivo di Euro 2012 è prioritario, ce la vuole fare e ce la farà. Come sta? Chi lo conosce lo sa, è sempre molto sereno, sa affrontare le difficoltà. È un infortunio importante, però ripeto, saprà rispondere alla grande. Si opererà presto, sarà un’operazione velocissima per ricominciare con la rieducazione”.

Pastorello è sicuro, Rossi sarà presente agli Europei di calcio:

“Gli infortuni precedenti sono stati sull’altro ginocchio, Giuseppe aveva forzato la mano, con il Napoli non doveva neppure giocare, è un dato di fatto, ma lui è un generoso, non voleva mancare. Non si è mai tirato indietro, però escludo che questo infortunio si potesse evitare non giocando al San Paolo. Europei a rischio? Molto dipenderà dal tipo di lesione, stiamo facendo delle ipotesi, aspettiamo la diagnosi. È ottobre, alla fine del campionato manca tanto, all’Europeo mancano sette mesi abbondanti, la speranza e la certezza è che sarà recuperato”.

Commenti su "ROTTURA DEL CROCIATO PER GIUSEPPE ROSSI: A RISCHIO GLI EUROPEI"