MOURINHO È IL RE DELLE SQUALIFICHE


Pubblicato da il 7.10.11

L'ex allenatore di Inter e Chelsea è stato squalificato per 2 giornate per il dito nell'occhio a Vilanova e così il Mundo Deportivo ha fatto un riepilogo delle molte sanzioni inflitte in carriera allo Special One.

Le 2 giornate di squalifica inflitte dal giudice sportivo per il dito nell'occhio a Vilanova, il vice allenatore del Barcellona, sono solo le ultime della carriera di José Mourinho. Il Mundo Deportivo ha fatto un resoconto di tutte le partite saltate da quando lo "Special One" si è seduto in panchina: ben venti tra Portogallo, Inghilterra, Italia e Spagna. Ma il dato che sorprende di più è il totale delle multe raggiunto negli anni da Josè Mourinho, oltre 800mila euro, che di certo non avrà avuto problemi a pagare.

Tra manette, polemiche e risse, nel repertorio di Josè Mourinho in fatto di squalifiche non manca proprio nulla. Sin dai tempi del Porto, dove ha ancora due giornate da scontare se mai tornerà in Portogallo. In Inghilterra i giornali impazzivano per i continui attacchi verbali che hanno coinvolto tutti i rivali: da Wenger a Benitez e Ferguson, senza scordare chi lo aveva preceduto sulla panchina del ChelseaClaudio Ranieri. Come dimenticare poi le accuse a Rijkaard di aver parlato con l'arbitro Frisk durante la gara di Champions League col Barcellona.

In Italia nei due anni interisti il portoghese ha scritto pagine che rimarranno nella storia, dagli zeru tituli al gesto delle manette nel match con la Sampdoria, che gli valsero tre turni di squalifica. Infine il Real Madrid, col quale ha forse raggiunto i picchi di "esuberanza". Un nemico su tutti: quel Barcellona che gli ha tolto praticamente tutti i trofei, esclusa la Coppa del Re. I porqué dopo l'espulsione contestata di Pepe nella semifinale di Champions League sono un altro dei marchi di fabbrica dello "Special One", molti dei quali diventano poi un cult, come il dito nell'occhio a Vilanova, l'ultima bravata, che ha (per ora) chiuso il cerchio delle squalifiche.


Commenti su "MOURINHO È IL RE DELLE SQUALIFICHE"