LA CONSACRAZIONE DI CLAUDIO MARCHISIO


Pubblicato da il 10.10.11

Claudio Marchisio sta attraversando un periodo a dir poco eccezionale con prestazione sublimi: è solo uno splendido stato di forma temporaneo o è la consacrazione definitiva di un calciatore che a 25 anni ha raggiunto finalmente la maturità per diventare un campione?

Solo il tempo darà risposta alla nostra domanda ma certamente il centrocampista della Juventus è all’apice della sua carriera calcistica. In questo inizio di stagione Claudio Marchisio ha già messo a segno 3 gol in 5 partite di campionato coi bianconeri e ha realizzato il primo gol in azzurro alla sedicesima presenza.

Tanta corsa e senso tattico, capacità d'interdire abbinata ad una tecnica sopraffina: Claudio Marchisio ha cambiato negli ultimi 3-4 anni tanti ruoli ma solo ora finalmente ha trovato il suo ruolo.
Infatti, sia per Conte che per Prandelli, Marchisio deve giocare a centrocampo con licenza di offendere, avendo a fianco un regista alla Pirlo. E proprio il ct azzurro non può non parlare di lui all’indomani dell’ottima prestazione di Marchisio a Belgrado:

“Marchisio mi ricorda Tardelli, senza dubbio. Claudio ha grandi doti di corsa, si è definito come ruolo e posizione, e in più ha una dote importante per un centrocampista: sente l’area di rigore. Come avevo detto, ha scollinato; l’unica differenza è che Marco aveva scollinato prima”.

Commenti su "LA CONSACRAZIONE DI CLAUDIO MARCHISIO"