IL CALCIO IN LUTTO PER SIMONCELLI


Pubblicato da il 24.10.11

La morte di Marco Simoncelli, pilota romagnolo brioso ed estroverso ma anche terribilmente bravo in sella alla moto, ha sconvolto migliaia di persone, sportivi e non.

Anche il mondo del calcio ha appreso la terribile notizia proveniente dalla Malesia con grande tristezza, così che il presidente del Coni Gianni Petrucci ha immediatamente dato disposizioni per far osservare su tutti i campi della Serie A (e non solo) un minuto di rispettoso e doveroso silenzio per Super Sic:

“Oggi è uno dei giorni più tristi della mia presidenza. La tragica scomparsa di Marco Simoncelli mi ha profondamente turbato e sconvolto. La vita è sacra e non si può morire a 24 anni per una gara. Ho sperato fino all’ultimo che Marco potesse farcela. Ho visto il dolore e l’angoscia del padre che era lì al suo fianco. In quei momenti mi sono venute in mente le immagini di quando nel 2008 premiammo Marco al Coni con il Collare d’Oro e poi quando l’ho visto il mese scorso al Quirinale in occasione dell’apertura dell’anno scolastico: era un ragazzo solare, entusiasta, con una grande vitalità. Ci stringiamo attorno alla sua famiglia piangendo la morte di un campione. Una morte inconcepibile che ha lasciato attonito tutto lo sport italiano. E per questo ho deciso che fossero tutti gli sport oggi ad onorarlo con un minuto di raccoglimento”.

Il cordoglio ha unito decine di personaggi legati al mondo del calcio che hanno affidato ai social network e ai siti ufficiali parole di commiato. Il Milan, di cui Simoncelli era tifoso, ha dedicato la vittoria di Lecce al povero pilota; prima di scendere in campo Galliani si era così pronunciato: “Marco era un nostro tifoso e un grande campione, abbiamo appreso la notizia mentre eravamo in pullman e siamo rimasti scioccati. La cosa ci ha molto colpito“.


Commenti su "IL CALCIO IN LUTTO PER SIMONCELLI"