MAZZOLA E IL RIGORE A LEV YASHIN


Pubblicato da il 20.8.11

"Yashin era un gigante nero: lo guardai cercando di capire dove si sarebbe tuffato e solo tempo dopo mi resi conto che doveva avermi ipnotizzato. Quando presi la rincorsa vidi che si buttava a destra: potevo tirare dall'altra parte, non ci riuscii. Quel giorno il mio tiro andò dove voleva Yashin"

Commenti su "MAZZOLA E IL RIGORE A LEV YASHIN"